Genoa, Sanabria: “Covid-19 difficile, ecco cosa è successo”

Sanabria
Sanabria

Tonny Sanabria, attaccante del Torino, ha parlato nel corso di un’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport:

Sanabria sul Covid-19

21 giorni isolato in camera?
«Come accennavo è stato difficile per me perchè la mia situazione si è pure complicata. Quando sono arrivato a Torino non ero da solo. Con me c’erano mia moglie e la mia figlia di un anno e mezzo che, naturalmente, voleva giocare. Io e mia moglie eravamo positivi, quindi è stata dura. Queste esperienze della vita ti aiutano però a capire che bisogna apprezzare tutto, quando si sta bene e non lo si nota».

Come sta?
«Ora mi sento meglio. I primi giorni dopo il Covid facevo fatica, mi hanno aiutato le partite per tornare in forma, ora mi sento bene, mi sto allenando forte».

Sanabria
Sanabria

Intervista a Sanabria sul Torino

Come è stato l’impatto con il Toro?
«Molto buono, devo ringraziare i compagni per come mi hanno accolto bene, qui sono tutti bravi ragazzi».

 

Juventus e Ronaldo?
«La Juventus è una grande squadra, di conseguenza non sarebbe giusto parlare di un solo calciatore. Loro sono forti, ma noi siamo pronti: dobbiamo fare una grande partita per portare a casa il derby. Questa lunga vigilia ci sta facendo bene visto che stiamo preparando tutti nei dettagli, vogliamo dare il massimo».

Classifica?
«Non capisco perchè siamo lì e sbagliamo qualche partita, perché ogni gara è diversa. È chiaro che vogliamo sempre ottenere il massimo, che vorremmo vincerle tutte. Alle volte va bene, altre no: dobbiamo ripartire dalle prestazioni contro Inter e Sassuolo dove abbiamo avuto una buona reazione nel secondo tempo. Queste due partite ci dicono che siamo una squadra forte. In questo momento non ci stanno aiutando molto i risultati, ma dobbiamo perseverare, continuando a lavorare tutti insieme per migliorare e salvarci».

Belotti Verdi Baselli
Torino (www.gettyimages.it)

Ultime Torino: Sanabria sula sua stagione

Si è dato un obiettivo personale?
«Il mio unico pensiero è rivolto ad aiutare la squadra, sto dando il massimo per la salvezza. Lavoro solo per essere pronto per quando il mister mi chiederà di fare qualsiasi cosa. Voglio allenarmi senza risparmiarmi, imparare da tutti e dare il massimo in campo. Il mio obiettivo è quello del gruppo, salvarci».

Torino
Torino (www.gettyimages.it)