Bulgaria-Italia: le dichiarazioni di Petrov e Galabinov

Galabinov
Galabinov

Yassen Petrov e Galabinov hanno presentato la gara di domani Bulgari-Italia, valida per la qualificazione ai Mondiali del 2022. Queste le parole di allenatore e attaccante bulgaro in vista della partita di domani. 

La conferenza stampa di Petrov

Yassen Petrov, commissario tecnico della Bulgaria, ha parlato in conferenza stampa prima della gara di domani contro l’Italia che varrà per le qualificazioni Mondiali.

“La sconfitta contro la Svizzera non è stata piacevole. Siamo stati travolti da un tornado che ci ha colpito per 12 minuti, a me personalmente non è masi successo di passare minuti così difficili, mai vista una cosa del genere. Non troveremo scuse: la Svizzera voleva vincere, noi avevamo 4 esordienti e non abbiamo fatto bene. Devo però sottolineare come nel secondo tempo ci sia stata una bella reazione e questa mi è piaciuta. Dobbiamo combattere, sono il responsabile per quello che è successo in quei12 minuti. Ora ho avuto solo 3 giorni per lavorare, faremo molti cambi perché vogliamo fare cose diverse.

Abbiamo preparato una strategia per ogni partita. Ma non posso dire cosa cambierò nel dettaglio, né se modificheremo il modulo con il quale ci schiereremo domani“.

Italia Mancini
Roberto Mancini (www.gettyimages.it)

La conferenza stampa di Galabinov

Anche Andrey Galabinov, centravanti dello Spezia e della Bulgaria, ha parlato in conferenza prima della gara di qualificazione al prossimo Mondiale in programma domani contro l’Italia. Queste le sue dichiarazioni.

“Ho saltato la prima partita contro la Svizzera, ci tenevo molto ad essere pronto ad affrontare l’Italia dopo un piccolo problema fisico che ho accusato e dopo una stagione che è cominciata in salita con lo Spezia.

Questa volta non è niente di grave, ero solo stanco. La gara contro gli azzurri per me sarà speciale, cercherò di dare il massimo per il mio Paese”.

Gol a Donnarumma?
“Non credo che sia impenetrabile, certo proverò a fargli gol nel corso della gara di domani. Spero proprio che personalmente l’Italia sottovaluti la partita, anche se noi penseremo solamente alla nostra prestazione e non a vedere cosa faranno loro”.

Galabinov
Galabinov