Sassuolo, Djuricic: “I social servono per sentirsi importanti, non ne ho bisogno”

intervista a Djuricic
intervista a Djuricic

Filip Djuricic, centrocampista del Sassuolo arrivato a 5 gol in campionato, ha parlato nel corso di un’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport.

Intervista a Djuricic sui gol

«Voglio arrivare almeno a 8, ne mancano 3 e ci sono molte partite da giocare».

Doppietta?

«Devo continuare così, e al Torino ho già fatto gol all’andata…».

Prossima gara?

«Sarà una partita molto complicata visto che il club granata è in difficoltà in classifica ma reduce da una buona partita con l’Inter. Per loro i tre punti possono essere cruciali, ma noi dobbiamo sapere che una vittoria può cambiare la nostra stagione».

Dove vuole arrivare con il Sassuolo?

«L’Europa League sarebbe un sogno, abbiamo la voglia e l’ambizione di arrivarci. Siamo all’ottavo posto e non è stato semplice per noi arrivare e superare chi ci sta dietro, e pure di parecchio, ci sono comunque squadre che avevano ambizioni, come Bologna o Fiorentina».

È così difficile avvicinare le big?

«Qualcuno davanti deve cadere, se vogliamo arrivare l’Europa. Ma intanto la Lazio è vicina a noi, avremo lo scontro diretto in casa, possiamo giocarcela».

intervista a Djuricic
intervista a Djuricic

Intervista a Djuricic sul ruolo

Ha detto che il suo ruolo è cambiato.

«Io sono un trequartista, ma Boga è fuori da tanto e sto giocando in quella posizione. Non è un grande problema, gioco dove serve, ma da trequartista mi sento meglio».

Cosa manca?

«Sono un giocatore d’istinto, però rispetto ai primi anni ho capito come controllarlo meglio. Con il mister c’è un grande rapporto, che va oltre il campo».

De Zerbi
Roberto De Zerbi (www.gettyimages.it)

Djuricic sulla Nazionale

Piksi Stojkovic ct della Serbia?

«Lui non è una leggenda, è proprio fuori categoria ed il mio idolo da bambino».

10 come lei?

«Sì ma non mi piacciono certi paragoni, soprattutto con giocatori che, come lui, sono stati sul tetto del mondo.  Però non vedo l’ora di conoscerlo, di vedere come allena. Spero di imparare tanto dal suo modo di allenare».

Calciatore vecchio stampo?

«Ho un profilo Instagram ma no vado molto a vedere e non posto. I social servono per sentirsi più importanti e io non ne ho bisogno».

Famiglia?

«Moglie e tre figli: 5 anni, 4 anni e un bimbo di 4 mesi. Con la pandemia non è stato facile vederci».  

De Zerbi
Roberto De Zerbi (www.gettyimages.it)