Totti: “Cacciato dalla Roma ma morirò a Trigoria. Ritorno? Nessun contatto”

Roma Totti
Roma, Francesco Totti (Getty Images)

Francesco Totti è tornato a parlare del suo addio alla Roma. L’ex capitano giallorosso non ha ancora ben digerito il trattamento della vecchia dirigenza ma non ha chiuso al possibile ritorno da dirigente.

Roma, Totti: “Cacciato via ma morirò a Trigoria”

Francesco Totti ha affidato alle colonne del Corriere della Sera il suo ricordo della Roma. L’ex stella giallorossa non ha ancora accettato l’addio forzato e ha dichiarato di non aver avuto alcun contatto con la nuova dirigenza.

“Mi dispiace tantissimo non essere più parte della Roma. Tantissimo perché per me era non dico la seconda casa ma quasi la prima. Sono cresciuto là e morirò lì dentro. Per me era impensabile un giorno cambiare strada e andare via da Trigoria. Mi hanno messo con le spalle al muro, non potevo sottrarmi. Dovevo prendere questa decisione: drastica e brutta, però ho dovuto farlo per rispetto verso me stesso e verso i tifosi”.

Ruolo nella nuova Roma?Sinceramente non ci ho mai pensato e non ci sto pensando. Adesso ho intrapreso questo nuovo lavoro e voglio portarlo a termine. Ora lasciare alcune persone per strada e ritornare nella Roma mi sembrerebbe scorretto nei confronti di questi ragazzi. Poi tra due, tre, cinque, dieci anni, chissà. Nella vita mai dire mai. Quando ci sarà l’occasione di incontrarsi con loro ne parleremo con serenità, con tranquillità“.

LEGGI ANCHE >>> Roma, Pellegrini sarà il nuovo Totti? Le sue parole

Roma Totti
Roma, Totti (Getty Images)

Roma, Totti: “Nessun contatto con Friedkin”

Francesco Totti, poi, ha parlato di un possibile ritorno alla Roma. L’ex capitano del club capitolino, però, ha amesso che non c’è stato ancora alcun contatto con la nuova dirigenza americana.

“Fino adesso non c’è stato alcun contatto con Friedkin per un possibile ritorno in dirigenza”.

Ritiro forzato?Bisogna essere realisti e sapevo benissimo che prima o poi avrei dovuto smettere. A 40 anni è pure difficile arrivare e continuare a giocare al livello giusto. Però nel mio caso sono stato costretto. Neanche costretto, come se avessero voluto mettere un punto, tirare una riga e cancellare. Senza parlarmene, senza rendermi partecipe. Una soluzione si poteva trovare, insieme. Avrei voluto smettere in un altro momento. Avrei voluto essere io a prendere la decisione, perché quando arrivi a quell’età è anche giusto smettere“.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, rinnovo Karsdordp: a giorni la firma

Totti Roma
Totti (Getty Images)

Totti: “Stavo bene fisicamente, non volevo chissà che”

Il ritiro forzato dal calcio giocato e l’addio altrettanto forzato alla Roma hanno fatto parecchio male a Francesco Totti. L’attuale procuratore sportivo ha spiegato bene la sua idea riguardo alla carriera che avrebbe potuto continuare.

“In quel momento stavo bene fisicamente, stavo bene di testa. Non pretendevo niente perché io non ho mai preteso niente da nessuno, non volevo giocare a tutti i costi. Facevo parte del gruppo e se ogni tanto si riteneva opportuno che io potessi scendere in campo sarei stato o pronto, come sempre. Ma girarmi le spalle e non darmi la possibilità di far vedere che ancora potevo dire la mia mi è dispiaciuto, molto”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma: tutti gli aggiornamenti

Totti Roma
Francesco Totti (Getty Images)