Inter, l’ex Burdisso: “Bravo Conte, potrei lavorare in Italia”

Inter Conte
Antonio Conte (www.gettyimages.it)

Nicolas Burdisso, ex difensore dei Inter e Torino oltre che dirigente del Boca, ha parlato nel corso di un’intervista concessa al Corriere dello Sport:

Intervista a Nicolas Burdisso

«Dopo la separazione dal Boca Juniors ho preso l’abilitazione da direttore sportivo in Italia nel corso di Coverciano. Fungo da consulente, in via del tutto informale, do una mano a qualche club in questo momento. E aspetto l’occasione di tornare a fare di nuovo il direttore sportivo a tempo pieno».

Futuro in Italia?

«Ho ricevuto due offerte lì ed effettivamente ho detto no. Altre dal Nordamerica. Adesso ci sono altre occasioni, anche in Italia».

Nomi?.

«Non vogliosvelare, mi porterei sfortuna da solo».

Inter Conte
Antonio Conte (www.gettyimages.it)

Intervista a Burdisso su Torino-Inter

Domenica c’è Torino-Inter. Una partita più sua di così non si può.

«Terribile per il Toro. Due gare in meno e devono fare punti. Niente di peggio che trovarsi di fronte un’Inter per la quale adesso ogni giornata sembra essere destinata a vincere. Bella situazione anche per me: io spero che il Torino si salvi e insieme che l’Inter vinca lo scudetto, vedremo cosa succederà».

Chi può fermare questa Inter di Conte?

«Il Milan, tanto per cominciare. Con questa situazione di classifica non si può tagliare fuori il club rossonero dalla corsa allo scudetto. E’ stato bravo Pioli a sterzare a un certo punto della sua gestione, è stato intelligente il club a puntare su di lui e su calciatori che sono utili e giovani, tenendo insieme il tutto con Ibrahimovic che ha fatto da collante»

Conte Inter
Antonio Conte (Getty Images)

Ultime Inter: Burdisso sui campioni

In Italia campioni non giovani, come mai?

«Secondo me è sbagliato paragonare le politiche tecniche e societarie italiane con quelle estere. Il calcio italiano è in crescita, lo dicono i numeri. E’ sempre stato così: qui servono calciatori che stanno bene fisicamente ma non solo. Per giocare in Italia servono anche esperti e tatticamente sapienti. Non c’è una distanza siderale in Europa tra le squadre italiane e le altre. Ci sono gli episodi, la Lazio che trova il Bayern  che tra l’altro è in salute, l’Atalanta che perde con il Real in malo modo solo per l’episodio ma attacca tutta la partita. Non mi sento di condannare neppure la scelta della Juventus di rinnovarsi, le premesse per il futuro sono buone».

conte antonio
Antonio Conte (www.gettyimages.it)