Inter, Conte: “Ora arrivano le pressioni, l’Atalanta era una concorrente Scudetto”

Conte Inter
Antonio Conte (www.gettyimages.it)

Inter-Atalanta, l’intervista di Antonio Conte. Il tecnico dei nerazzurri parla ai microfoni di Sky Sport e si gode la vittoria della sua squadra.

Inter, l’intervista di Antonio Conte

Ha parlato dopo Inter-Atalanta, Antonio Conte. Ecco le sue parole: “Era una gara molto importante, ci siamo riportati a +6. Avevamo la pressione addosso, le squadre che inseguono, si stanno avvicinando. Sarà così dall’inizio alla fine, quindi dovremo fare bene. Poi oggi incontravamo l’Atalanta, che ha preso punti alle grandi. Non era facile, se non prepari la gara per bene, rischi di prendere un’imbarcata. Loro hanno fatto un gran lavoro, temevano la nostra prestazione e li ho visto meno arrembanti del solito. Sono tre punti importanti contro un’ottima squadra. Questa vittoria serve a staccare l’Atalanta per il discorso Scudetto, sono 13 punti da loro. Ora sono tanti e per me l’Atalanta era una concorrente”.  

Inter Conte
Antonio Conte (www.gettyimages.it)

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Conte sul suo futuro: “Non è il momento”

Inter le parole di Conte

OBIETTIVO SCUDETTO – “Quest’anno lo step importante, era quello di trovare costanza e rendimento, attraverso un giusto equilibrio. Abbiamo giocato oggi contro il secondo miglior attacco, e non abbiamo preso gol, concedendo anche poco. L’Atalanta ha fatto meno di noi”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter, Conte: “Niente calcoli stupidi sui diffidati, Vidal può non giocare. Su Sanchez…”

SU LAUTARO MARTINEZ – “Grande applauso a lui, gli avevo chiesto un sacrificio maggiore, perché loro si inserivano benissimo in mezzo campo. Lui si è abbassato, diventava una specie di 5-4-1 con lui in mezzo. Va fatto un plauso a Lautaro, ma questo dimostra che tutti i miei ragazzi sono totalmente impegnati e devoti alla causa. Sanno benissimo che si vince con il sacrificio”. 

BATTUTA SUL TRIONFO – “Se mi guardo in tasca trovo un mezzo Scudetto? No, 40 euro. Ho pagato io benzina prima – ride, ndr -. Ora i miei ragazzi riposano, ricarichiamoci e ci prepariamo”.