Serie A, cosa ci lascia la 23esima giornata: Lukaku e l’Inter si prendono corona e scettro

Inter Conte Lukaku
Inter Conte Lukaku (Getty Images)

Questa sera si concluderà la 23esima giornata di Serie A con il posticipo tra Juventus e Crotone. Il risultato dell’Allianz Stadium, però, non intaccherà i primi posti della classifica, ormai comandata dall’Inter di Conte.

Serie A, la 23esima giornata indica la strada: ora l’Inter deve vincere

Milan-Inter, la battaglia era tutta lì. E l’hanno vinta gli uomini in nerazzurro condotti da Antonio Conte, uno che di battaglie per vincere gli Scudetti se ne intende eccome. Ieri a San Siro è andata in scena una gara dal sapore d’antico, con i due club in cima a giocarsi la corsa al primo posto. L’Inter ha iniziato sin da subito a volare. Pronti, via e Lautaro Martinez aveva già segnato il gol del vantaggio con un comodo colpo di testa a tu per tu con Donnarumma, tra le disattenzioni della difesa di Pioli.

Poi l’Inter ha continuato a macinare gioco e occasioni, lasciando le briciole ad Ibrahimovic&Co. Il ritorno in campo nel secondo tempo, poi, ha messo in mostra altro: i rossoneri erano solo feriti e hanno tentato di azzannare i cugini, sbattendo contro il muro eretto da Samir Handanovic che, in barba a tutte le critiche dei tifosi per la poca reattività, ha negato 3 reti fatte agli attaccanti avversari. Da lì, il ko definitivo del Milan. Di nuovo Lautaro per il 2-0, infine Lukaku con uno dei suoi coast-to-coast e la fucilata alle spalle di Donnarumma. In quel preciso momento il Milan e Zlatan Ibrahimovic hanno abdicato: lo scettro e la corona sono passati all’Inter e a Romelu Lukaku. Ora la classifica è molto più chiara e il campionato è indirizzato: l’Inter deve vincere!

LEGGI ANCHE >>> Serie A, tifosi di Inter e Milan solidali fuori dal campo: l’iniziativa

Serie A Inter
Serie A Inter (Getty Images)

Serie A, bagarre in zona Champions League

Con la capolista che cambia ancora, la Serie A 2020/21 si conferma uno dei campionati più aperti e belli di sempre. E vale anche per la corsa all’Europa. In zona Champions League sta succedendo di tutto. La Lazio continua a vincere e a scalare posizioni; il Napoli continua a perdere e a scendere sempre più giù. La Roma si perde nel suo caos e resta ferma, la Juventus attende il Crotone questa sera per riprendersi il terzo posto e mettere il fiato sul collo al Milan.

Tra il secondo e il settimo posto ci sono 9 punti di differenza (Juventus e Napoli una partita in meno). Tutti vogliono andare in Champions League ma questo campionato ci ha insegnato che ciò che vale oggi, non varrà domani. Lì in alto sono tutti in un buon momento di forma, tranne il Napoli di Gennaro Gattuso che ha perso l’ennesimo scontro diretto, contro l’Atalanta in formato Champions League. Domenica prossima, inoltre, c’è Roma-Milan e tutto potrà cambiare ancora. In zona Champions è bagarre totale.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, Napoli: De Laurentiis è una furia

Napoli Serie A
Napoli Serie A (Getty Images)

Serie A, Cagliari e Parma ora tremano sul serio

Se in zona europea sono tutti lì a darsi battaglia, la zona retrocessione è meno ricca che mai. Il Torino è tornato a vincere e si è allontanato dal Cagliari (+5 dopo lo scontro diretto). Ora sono proprio i sardi, insieme al Parma e al Crotone a rischiare più di tutti. Il club di Tommaso Giulini aveva dato piena fiducia ad Eusebio Di Francesco e, soprattutto, una rosa di grandissimo valore. Ma i punti in classifica sono ancora 15 e si rischia davvero la B senza un cambio di rotta.

Il Parma, invece, sembrava aver ritrovato fiducia e serenità dopo il primo tempo di ieri contro l’Udinese. Ma il sorriso è durato, appunto, solo un tempo. Cornelius si è ricordato, finalmente, di essere una attaccante e ha messo a segno la sua prima rete stagionale. Gli uomini di Gotti, però, si sono dimostrati duri a morire e hanno ripreso la gara per i capelli a 10’ dalla fine, con il calvo (scherzo del destino!) Nuytinck. La classifica piange, aspettando il Crotone di Stroppa che stasera affronterà la Juventus con cui, all’andata, arrivò il primo punto stagionale. Se è vero che esistono i miracoli, Parma, Crotone e Cagliari dovranno affidarsi a qualcuno dall’alto, perché il campo è il loro Inferno.

A cura di Salvatore Amoroso

Serie A Parma
Serie A Parma (Getty Images)