Inter: perchè vendere Eriksen? E’ Vidal quello che deve andare via (FOCUS CM24)

Eriksen Inter
Calciomercato Inter, Eriksen (Getty Images)

La stagione di Serie A sta entrando sempre di più nel vivo, e in questo ultimo periodo si stanno cominciando a tirare le somme per quanto riguarda mercato e prestazioni individuali. Ne sa qualcosa l’Inter, che sta riflettendo sulla situazione relativa a Christian Eriksen. Il danese è stato più volte escluso da Antonio Conte, ha avuto poche chance di brillare, ed è dato per partente in questa sessione di gennaio. Ma perchè vendere Eriksen se in rosa c’è Vidal che sta rendendo così poco? Andiamo a vedere insieme i motivi per cui il danese deve restare, magari cedendo il cileno.

1- Vidal ha già fatto malissimo, Eriksen ha avuto troppe poche chance

Inter Vidal
Inter Vidal

Antonio Conte si sa, è uno che vuole molto, e spesso ottiene altrettanto dai suoi giocatori. E’ il caso di Arturo Vidal, un giocatore che ha saputo valorizzare nel migliore dei modi alla Juventus, e che ha voluto fortemente anche nella sua avventura all’Inter. Eppure il cileno si è dimostrato parecchio sotto tono, tanto da far arrabbiare lo stesso tecnico più volte (famoso lo sfogo contro il giocatore nella gara contro il Crotone). L’ex Barcellona non sta dando l’apporto sperato, e arrivati al crocevia della stagione, potrebbe essere più giusto preferire Eriksen, ancora fresco e a secco di troppe chance concesse. Il danese ha tanta voglia di fare, Vidal dà l’impressione di adagiarsi. “Nessuno ha il posto assicurato”: come dice Conte del resto.

LEGGI: Inter, Conte: “Con Vidal uso il bastone, non mi piace far finta di niente. Vendita club? No comment”

2- Eriksen è più giovane, può ancora crescere

Inter agente Eriksen
Christian Eriksen (www.gettyimages.it)

Christian Eriksen ha vissuto all’Inter l’esperienza calcistica più difficile della sua carriera. Ormai non è più un mistero sia chiaro, ma nelle ultime settimane Antonio Conte ha dato l’impressione di voler concedere al danese più possibilità, anche in ruoli diversi. L’ex Tottenham ha 28 anni, è nel pieno della sua maturazione, e i margini di miglioramento ci sono, a differenza invece di Arturo Vidal. Il cileno ha 33 anni suonati, e nonostante le sue indubbie doti tattiche e di leadership, pare non fare troppo al caso dell’Inter. I nerazzurri hanno infatti bisogno di un giocatore valido tecnicamente, che sia fresco e sappia essere duttile: il cileno ha invece giocato quasi sempre davanti alla difesa negli ultimi anni, ruolo che potrebbe essere affidato tranquillamente sempre a Brozovic e Barella, con risultati probabilmente migliori.

LEGGI: Serie A: Theo Hernandez vs Hakimi, chi è il più forte? (FOCUS CM24)

3- I dati di Vidal, il nuovo ruolo di Eriksen

L’Inter vuole competere per lo Scudetto, e per farlo deve affidarsi a giocatori che sappiano dare un apporto importante ai match, soprattutto in termini di gol e assist. Se invece pensiamo a Vidal, analizziamo di come il cileno abbia fornito un solo assist in 15 presenze in campionato: numeri di certo non all’altezza, e che ad oggi non danno a Conte le giuste garanzie. Situazione diversa per Eriksen, il quale ha totalizzato soltanto 9 presenze (di cui molti spezzoni), e provato in zone di campo diverse. Nel mach di Coppa Italia disputato contro la Fiorentina, l’allenatore nerazzurro ha voluto provare il centrocampista danese nel ruolo di regista, magari cercando di consacrarlo in quella posizione. Che possa essere un nuovo inizio? Lo si spera, anche perchè vedere un giocatore del genere giocare così poco, è sicuramente molto triste.

POTREBBE INTERESSARTI: Inter, Conte spiazza tutti: “Domani Eriksen in un nuovo ruolo”

Di: Christian Mattera