Milan, Pioli: “Hauge sta dimostrando, ecco cosa penso”

Milan, Stefano Pioli
Milan, Stefano Pioli in conferenza stampa (Getty Images)

Stefano Pioli, tecnico del Milan, ha parlato a Sky Sport dopo la gara di oggi contro lo Slavia Praga. 

Intervista a Pioli dopo Slavia Praga-Milan

“Hauge ha già dimostrato le sue qualità ma penso possa ancora crescere, sono molto soddisfatto della sua prestazione, sta capendo il nostro calcio. 

Hauge? Credo che la qualità migliore sia nell’uno contro uno, sprigiona più velocità con la palla che senza, lui deve imparare ad andare senza palla, non può ricevere sempre palla vicino. Attaccare la profondità costringe il difensore a fare una scelta, sono tante le cose che può migliorare. Sta facendo cose importanti, deve migliorare anche in difesa. Brava è stata la società.

Sei mesi fa? Io quando comincio una stagione e quando conosco i giocatori ho fiducia, questa è una squadra di qualità e seria, è un gruppo unito, c’è positività ma poi è chiaro che non si poteva pensare di ottenere tutti questi risultati. Noi siamo bravi a preparare le partite, giocarle al massimo, e poi andare in campo di nuovo per vincere.

Sono soddisfatto per i calciatori che ho utilizzato meno ma che ci consentono di tenere alto il ritmo. A vincere uno ci prova sempre. ma non avevo dubbi, sono ragazzi seri”.

Intervista a Pioli dopo il Celtic
Stefano Pioli (www.gettyimages.it)

Pioli ha parlato al termine di Salvia Praga Milan nel corso dell’intervista a Sky Sport

“Campionato e Inter? Non so se sia un vantaggio essere usciti in chiave campionato, non posso perdere energie a pensare agli avversari, noi pensiamo al nostro percorso, adesso dobbiamo pensare al Parma, quando ha spazio e può ripartire diventa un avversario perioloso. Volgiamo fare bene fino a Natale, gli avversari sono forti, ci sono tutte, il nostro obiettivo è quello di migliorare lo scorso campionato. Dobbiamo continuare in questo modo. Per me oggi è una giornata particolare e molto triste. Se ne va Paolo Rossi, mi ha colpito, è stato un compagno, ho giocato con Paolo quando era già Pablito ed io un ragazzino. Era una persona splendida, sono molto dispiaciuto e faccio le mie condoglianze.

Era sempre una persona disponibile, sempre sorridente e sereno e determinata, sono questi i due fattori determinati. Paolo pur avendo vinto tutto era una persona di una semplicità, le persone semplici sono quelle più importanti”.

Milan Pioli
Milan Pioli
Previous articleMilan, Tatarusanu: “Ecco il difetto di Donnarumma”
Next articleCalciomercato Juventus, ecco quando costa Haaland