Morte Maradona, Diego ucciso da un cocktail di psicofarmaci

Maradona
Diego Armando Maradona (www.gettyimages.it)

Diego Maradona sarebbe stato ucciso da un cocktail di psicofarmaci: la rivelazione shock di Repubblica punta il dito sui medici Luque e Cosachov.

Morte Maradona, colpa degli psicofarmaci

La morte di Diego Armando Maradona sarebbe dovuta ad una serie di psicofarmaci che avrebbe ucciso l’argentino, su prescrizione dei dottori Leopoldo Luque e Agustina Cosachov. L’inchiesta di Repubblica svela che i due soggetti sarebbero oggetto di indagini da parte delle autorità argentine per omicidio colposo.

morte Diego Armando Maradona
Morte Diego Armando Maradona (www.gettyimages.it)

Il primo medico ha operato Maradona al cervello e si è occupato del suo percorso di recupero post-operatorio, con la collaborazione in un secondo momento della seconda dottoressa. I magistrati di San Isidro hanno sequestrato le cartelle cliniche del Diez, per provando a risalire alle cure cui è stato sottoposto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Addio Maradona, Ferlaino: “Volevo proteggerlo dagli psicofarmaci”

Addio Maradona, il cocktail della morte

Una serie di medicine, che da orrore soltanto a leggerla, come e più della morte di Maradona: Diego prendeva Gabapertin, Levetiracetam, più un antipsicotico, un antagonista degli oppiodi, un farmaco per fargli passare il desiderio dell’alcol più medicine contro la schizofrenia ed infine un antidepressivo.

morto maradona ultime
Morte Diego Armando Maradona (www.gettyimages.it)

Un cocktail come questo sarebbe difficile da sopportare anche per una persona in perfette condizioni di salute: figurarsi per chi è invece stato operato al cervello qualche settimana prima, cui si aggiunge il già difficile quadro clinico di Diego Armando Maradona.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Addio Diego, la tua maglia vale 2 milioni: “Ma non la vendo”

POTREBBE INTERESSARTI PURE >>> Morte Maradona, spunta il suo ultimo audio whatsapp

Morte Maradona, i prossimi passi verso la verità

A questo punto tocca alla magistratura argentina. Le prove sequestrate saranno poste al setaccio dei periti tecnico-scientifici: saranno loro a stabilire se il cuore di Maradona ha smesso di battere a causa degli psicofarmaci oppure no.