Bologna, Mihajlovic si confessa: “Piango senza vergogna. E ho un sogno…”

Bologna Mihajlovic
Mihajlovic (Getty Images)

Bologna, Mihajlovic a 360 gradi: “Sono nato due volte”

Una lunga e toccante intervista, quella realizzata all’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic. Racconta il suo dramma quello della sua malattia, a 360 gradi, ai microfoni dell’emittente satellitare. Si confessa, parlando di quello che è stato il suo problema.

Un uomo che ha imparato a vivere, ancora di più, dopo i tremendi momenti vissuti con la malattia che, spesso, non dà tregua al genere umano. E Mihajlovic, ne ha parlato così, dopo l’uscita della sua biografia: “La vita è una cosa preziosa e meravigliosa. E’ così soprattutto quando passi quello che ho passato io, perché ogni volta ti svegli al mattino ed è una vittoria. Io ora voglio godermi la vita al massimo. Spesso dico che sono nato due volte: la prima volta il 20 febbraio, poi il 29 ottobre. Quanti anni ho? Un anno e un mese, magari poi tra 50 anni ci rivediamo e scrivo un altro libro (ride, ndr)”.

LEGGI ANCHE >>> Bologna, Mihajlovic: “Se Orsolini non segnava oggi tornava a casa a piedi”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bologna, Mihajlovic: “Il razzismo esiste solo per i neri, non per noi”

Bologna, Mihalovic racconta: “Avevo vergogna di piangere, ora non più”

Ha vissuto un’esperienza difficile con la sua malattia, il tecnico del Bologna, Sinisa Mihajlovic. Lui parla così delle emozioni che ha vissuto: “Prima piangevo da solo, tenevo le emozioni per me. Adesso so che piangere è una cosa che serve. Con questa malattia ho imparato a piangere, serve per esprimere le mie emozioni. Piango e non me ne vergogno. Anche con gli altri, tutti si sono sempre lamentati del mio essere freddo. Facevo fatica ad esprimere i miei sentimenti. Ora c’è mia madre da abbracciare, sono sicuro che lo farò a Natale”. 

Bologna Sinisa Mihajlovic
Bologna, Mihajlovic

Bologna, Mihajlovic nel futuro: “Ho un sogno, allenare la Stella Rossa

C’è spazio anche per i sogni, con Sinisa Mihajlovic che non si nasconde. Nonostante il suo periodo felicissimo – sportivamente parlando – al Bologna, nel futuro si vede altrove. Lui sin da bambino ha sognato la Stella Rossa e, ancora oggi, è il pensiero numero uno: “Un giorno sicuramente sarò l’allenatore della Stella Rossa. E’ il mio sogno, non so tra quanto accadrà, ma so che sarà così”.

bologna mihajlovic
bologna mihajlovic